Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Mercoledì 23 Aprile 2014 - Generiche - Non ci sono ancora commenti

Torneo di Cesenatico: un'esperienza FANTASTICA!

Fotogallery

Quando ci si appresta ad organizzare un Torneo di basket, con tre proprie squadre partecipanti con tante persone da raccordare, dove si deve pensare al trasporto, alla logistica, all'organizzazione di ciascun Gruppo/Squadra, con mille responsabilità, etc., etc., nonostante le numerose esperienze positive già vissute, non si può non avere un momento diciamo di sana e comprensibile perplessità.

Anche in questo caso, devo dire, ciò è regolarmente accaduto e in più di un'occasione qualche dubbio è affiorato in tutti noi. Se non altro per un senso forte di responsabilità nei riguardi dei 33 ragazzi che hanno partecipato e delle loro famiglie.

Ma quando si rientra nel pullman in direzione "casa", restano solo le impressioni reali, quelle vissute e non immaginate, quelle che ti lasciano qualcosa di positivo dentro al cuore, che danno un senso e rafforzano l'impegno giornaliero che tutti noi mettiamo in questa attività sportiva, troppo spesso sottovalutata da chi dovrebbe sostenerla.

A distanza di poche ore dal rientro a Lecce, non posso che avere delle sensazioni positive riguardo questa bellissima esperienza sportiva e di gruppo, che abbiamo vissuto con grande serenità senza mai eccedere, ma senza mai privarci di un sano sorriso.

Abbiamo affrontato delle squadre molto forti di grande livello tecnico, in alcuni casi dei veri e propri schiacciasassi frutto della selezione di atleti/e di più società, abbiamo perso con dignità, ma anche vinto con grande rispetto degli sconfitti, con un costante impegno e con la voglia di competere sempre, nel rispetto delle regole e della correttezza sportiva.

Ho visto dei ragazzi e delle ragazze stupendi dare tutto sul campo, giocando anche due volte nella stessa giornata e, un attimo dopo, scambiarsi le impressioni, fraternizzare tra loro in un modo che definisco straordinario. Ho visto i ragazzi più grandi pronti a sostenere i più piccoli, ho visto una complicità tra di loro stupenda in tutte le situazioni, non ultima quella di difendersi dall’orco di turno (il sottoscritto n.d.r.) sempre attento a tenere i ragazzi entro i binari del divertimento si, ma lontani dal pericolo degli eccessi.

Se c’è un punto di dispiacere sta solo nel pensare che altri nostri ragazzi, per motivi diversi, non hanno potuto vivere questa 4 giorni di divertimento. Ma ci saranno altre occasioni, è una promessa!

Concludo con un grazie ai miei stupendi, preziosi e competenti collaboratori da Alessandra a Larry, da Vito fino ad arrivare ai nostri accompagnatori/genitori Fernando e Sergio. Grazie agli altri genitori al seguito, grazie ad Antonio il nostro Super-autista e grazie a mia moglie Simona che ha voluto vivere insieme a tutti noi anche questo bellissimo momento di gruppo.

Ma grazie soprattutto ai nostri (miei) ragazzi, che con i loro sorrisi, con la loro presenza, con la loro felicità e, diciamolo pure, con la loro bravura tecnica hanno dipinto di azzurro e di rosa queste splendide giornate.

sandro laudisa